Blog Dettaglio

I nostri articoli

L´artista della settimana: ZAC

Aldo Zaccardelli nasce a Napoli nell'inverno del 1953 da famiglia di artisti: padre e fratello pittori, sorella scultrice e madre soprano lirico. Da bambino frequenta lo studio del padre e poi quello del fratello raggiungendo a 15 anni l'autonomia come artista. Contemporaneamente agli studi artistici nascono in lui le serie motivazioni che segneranno la sua strada: dalla materia al colore, scale cromatiche e sensazioni visive, le tecniche antiche e l'affresco. Giovanissimo parte per Roma e qui conosce il più grande pitto re italiano contemporaneo, Giorgio de Chirico che incoraggia il giovane ZAC vedendo in lui la continuazione dei "grandi". L'atelier a Roma è spesso visitato da personaggi dell'arte e dello spettacolo. Il carattere libero e avventuroso portarono Aldo in normandia nel 1978 dove rimase abbagliato dalla bellezza della campagna e dalle luci radenti. In quegl'inni dipinse en plein air moltissime opere che gli vengono acquistate dai notabili del posto. Parte successivamente per Londra per ricercare le nebbiose vedute all'imbrunire del Tamigi, diventandolki il pittore della luce. Dopo un anno di permanenza a Londra, torna a Napoli dove gli viene affidata la docenza di tecnica e chimica della pittura presso l'accademia Giacinto Gigante. Conosce qui Lucio Ameli, famoso critico che ha portò il grande Andy Warhol a Napoli per un Expo storico. Gli anni successivi vedono l’artista a Parigi in estenuanti excursus tra il museo Dorsai e le Grana Palais, sempre ripercorrendo i sentieri che avevano visto i grandi impressionisti dipingere in plainaire. Stabilitosi ormai a Parigi non riuscirà mai più a staccarsene. La città è ancora magicamente pregna delle presenze dei grandi artisti che egli ama. Frequenta l’ambiente parigino e cose straordinarie gli accadono quando risiede a Saint Germaine de Pres, dove da amici comuni, fu accompagnata nel suo atelier Juliette Greco in visita a questo nuovo artista italiano. Juliette, ancora bellissima, portava sotto il braccio un’antica bambola automatica, la quale, a detta del restauratore che da poco gliela aveva consegnata, era irreparabile. Inspiegabilmente fu sufficiente una sua superficiale ispezione che la conversazione fu interrotta dai meccanici rumori provenienti dalla scatola poggiata sul tavolo: la bambola iniziò ad animarsi. Grande fu la sorpresa di Juliette che in spagnolo disse ‘’ tu tienes el duende “. In quegli anni l’artista frequenta Yves Montand, conosciuto tempo prima a Saint Paul De Vance e, spesso in sua compagnia, dipinge dal vero attorniato da uno stuolo di silenziosi e ammirati osservatori. Presto Yves decide di farsi immortalare sulla testa dall’abile e sicuro tocco dell’artista. La simpatia di quest’incontro porta i due a numerose partite a petanque (grande passione di Yves) in quella calda estate parigina nonché ad una reciproca crescita umana ed artistica. Il pittore ricorda ancora l’amicizia di artisti parigini con motivazioni esistenziali molto diverse dalle sue, gli stessi crearono con entusiasmo giovanile e pochi soldi la magia della “boheme”, dei quali il più rappresentativo è Picasso e il suo primo studio un fatiscente edificio posto a Montmartre in Rue Ravignan 13. A dirla tutta in quanto a disordine e sofferenze, ragnatele, tele nella vasca da bagno, tubetti di colore mezzi vuoti sul pavimento misti a mozziconi di toscano, anche il suo studio si difende bene. Il tutto a periodi alterni, secondo la presenza o meno di qualche volontaria che, stanca del caratteraccio dell’artista, finisce quasi sempre per abbandonarlo, riprecipitandolo nel caos più completo ma “molto creativo” dice lui. L’esperienza artistica non si ferma negli atelier parigini ma, senza preavviso, dopo anni di vita nella capitale artistica del mondo, lascia amici e parenti dispiaciuti per l’ improvvisa partenza e sbarca a Tahiti, dove accetta l’ospitalità offertagli insistentemente tempo prima da un pittore locale conosciuto a Parigi. Visita i luoghi che avevano visto protagonista Paul Gauguin: le stesse spiagge, le stesse palme, la stessa calda brezza avvolge l’ artista mentre dipinge il tramonto di quei meravigliosi luoghi. Ha trovato il paradiso. In quel contesto naturale non privo di difficoltà per la situazione socio-economica dell’isola è minuzioso e diligente disegnatore di tutto ciò che gli capita sotto gli occhi; la sua attenzione è attratta dalla natura ed egli si ritrova spesso a disegnare colorati volatili ed animali del luogo: li riprende dal vero a riprova della sua capacità e buona mano; è un periodo meraviglioso. Juan il suo amico pittore è un ottimo compagno d’arte, di rhum e di sigari; acuto ed intelligente sa prevedere le sue esigenze, attivandosi quasi sempre prima di lui nella soluzione dei piccoli problemi di studio. Molti dipinti del periodo tahitiano sono acquistati da turisti americani in visita all’isola che li comprano dalla “sanguisuga” come l’artista chiama un mercante portoghese con un negozietto al porto . I suoi quadri sono visti un giorno da una turista un po’ speciale: Judi Anne Miller, segretaria del Presidente americano George Bush Senior. La signora rimane colpita dai colori e dalla vita che i quadri esprimono e vuole conoscere l’artista. Il soggiorno tahitiano si conclude dopo un anno. E’ la volta di Washington che vede protagonista il pittore di numerosi expo in gallerie e circoli privati, ambienti esclusivi che l’artista, amante della semplice vita che conduceva a Parigi, sopporta mal volentieri. Numerose esposizioni vedono l’artista nell’Illinois a Boston e a Chicago dove conosce il grafico Teodhor Plotke che lo inserisce in importanti gruppi artistici. Successivamente il ritorno in Italia, a Sanremo per la precisione: è il 1985. Sanremo porta nelle sue strade il profumo dei fiori; il clima mite, i colori caldi, il mare donano il giusto impulso creativo verso l’inevitabile maturazione artistica. Dipinge instancabilmente i paesaggi locali e ritrova ancora una volta percorsi a lui cari. A Bordighera cento anni prima Claude Monet aveva dipinto le straordinarie luci della riviera. La problematica della cromatico luministica dove le forme perdono contorno e consistenza e i colori diventano con la luce i veri protagonisti del quadro, sono per l’artista il nuovo leit-motiv. La città dei fiori regala al pittore lunghi periodi sereni. La vicina Francia, con l’aeroporto di Nizza, facilita le frequenti brevi fughe dell’artista che non ha mai dimenticato Parigi, i suoi amici, suo fratello francese che egli ancora conserva nel quale intrattiene rapporti di lavoro. Sanremo, stazione climatica, porta nell’atelier del pittore, ormai noto a tutti in riviera, numerosi amatori d’arte: antiquari e mercanti che acquistano le sue opere. “Era bello aprire le porte dell’atelier” dice “e trovarsi di fronte quattro ben vestite guardie del corpo che annunciavano la visita di Cassogi”. “Come quella volta che un emiro arabo nelle sue compere a Sanremo, dopo aver svuotato gioiellerie e negozi di abbigliamento è venuto nel mio studio commissionandomi paesaggi arabi che dopo circa due mesi sono stati ritirati da persone appositamente inviate”. “O quella volta che aprendo la porta dell’ateliermi sono sentito mancare alla vista di due occhi verdi bellissimi, un volto angelico ed una voce dolcissima che mi chiedeva se poteva entrare: Sylva Koscina, era veramente lei! Non esitò un momento ad acquistare un mio quadro” . Così, in poco tempo, l’artista entra a far parte di famosi gruppi artistici, affermandosi in campo internazionale. La sua arte è un fantasmagorico avvicendamento di immagini, figure e colori. E’ abile ed estroso, crea giochi di luce inappuntabili, pieni di un fascino ineguagliabile. Uno stile pittorico raffinato ed elegante alla continua ricerca di nuove problematiche ed emozioni graffianti. Successivamente ritorna in Normandia. Durante le sue escursioni alla ricerca di luoghi da immortalare nelle sue tele, il pittore si ferma spesso ad ammirare il faro “che è lì”, sono le sue parole, “a vegliare e sfidare le intemperie del mare” . Ricorda quel giorno che aveva deciso di ritirarlo: era l’unico ospite su quella scogliera ma lo rimase solo per poco, infatti, ad un certo punto sentì una voce che gli esprimeva la sua ammirazione per l’opera che stava eseguendo. Era una persona del luogo che iniziò a raccontargli di come quel faro fosse stato protagonista di varie leggende, di come tante volte aveva tratto in salvo diverse barche in balia delle mareggiate segnalando la sua presenza. Poi il ritorno in Italia a Sanremo come abitazione ed a Bordighera nello studio aperto in piazza Bengasi a due passi dal mare.

Contattaci

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.